Vai al contenuto
Portale del RisparmioNewsToelettatura Cani Fai da Te, cos’è e come si fa

Toelettatura Cani Fai da Te, cos’è e come si fa

Toelettatura Cani Fai da Te

L’igiene per gli esseri umani è sinonimo di salute, legata a doppio filo alla stessa. La medesima cosa vale per i nostri amici a 4 zampe, che sia il fidato cagnolino o i cani che tanto amiamo. Se gli vogliamo bene, allora possiamo pensare di prepararlo per le feste natalizie regalandogli una bella toelettatura da un esperto, oppure facendo da soli (il cosiddetto fai da te).

Scopriamo perché è così importante la toelettatura, cosa significa e perché una corretta cura del corpo del cane è fondamentale per la sua salute.

 

Cos’è e in Cosa Consiste

La toelettatura dei cani consiste non solo nel lavaggio come qualcuno potrebbe erroneamente pensare, ma nella vera e propria cura del pelo di questi animali. Per una buona toelettatura occorre pulire il pelo, tagliarlo ed acconciarlo in modo ottimale, in modo che sia ordinato e, soprattutto, non consenta l’attecchimento di parassiti o altri piccoli animali che possono cagionare un danno alla salute dell’animale ed essere poi anche un pericolo per l’essere umano.

I trattamenti che vengono fatti sul cane sono specifici e approntati proprio a misura dell’amato amico a quattro zampe, considerando le sue necessità e i suoi bisogni legati alla salute, oltre a quelli, comunque significativi, correlati all’estetica stessa.

Ecco i principali trattamenti che vengono fatto nella toelettatura:

  • Eliminazione nodi nel pelo e taglio.
  • Taglio delle unghie. Fondamentale perché non si spezzino e il cane poi possa ferirsi.
  • Pulizia orecchie e occhi. In queste zone si annidano spesso i parassiti.
  • Pulizia genitali e le zone sotto le zampe. Le aree più soggette a sporcarsi.

Se abbiamo paura che il cane possa non apprezzare, dobbiamo sapere che la toelettatura, se fatta da professionisti fidati, capaci e appassionati del mestiere, non è nulla di traumatico per il nostro cane, anzi.

Ai cani non dispiace essere toelettati in generale, ma certamente occorre fare attenzione a dove portiamo il nostro cagnolino. Affidiamoci a professionisti seri, competenti e preparati, come già ampiamente sottolineato e se vediamo che il cane è nervoso dopo un trattamento di toelettatura, cambiamo centro perché anche il nostro cane ha una sua psicologia.

Perché la toelettatura non sia un trauma, ma un piacere, occorrono due aspetti:

  • Empatia tra il toelettatore e il nostro cane.
  • Tempo dedicato.

Il primo riguarda proprio il rapporto di affinità tra cane e uomo, nel caso l’operatore specializzato al trattamento del cane, il secondo è inerente la fretta ed il business stesso: un bravo toelettatore non ha fretta, ma si prende cura dell’amico peloso nel migliore dei modi facendolo rilassare e stare a suo agio.

 

Ogni Quanto bisogna Farla

In media, a prescindere dalla corporatura e dal peso del cane, ossia dalla razza (le qual cose potranno incidere solamente sulla difficoltà di farla), si consiglia di fare la toelettatura al cane ogni 30 o 40 giorni.

La discriminante è la lunghezza del pelo: un animale a pelo lungo ha bisogno di trattamenti per cani molto più frequenti rispetto ad uno dal pelo medio ovvero corto. In special modo per tutelare e mantenere pulite le parti intime, spesso sporche proprio a causa dei bisogni fisiologici del cagnolino.

Se abbiamo un cane dal pelo corto, non ci vorranno le stesse attenzioni rispetto ad uno che ha, invece, pelo lungo, ma non dovremo di certo sottovalutare l’importanza di una buona toelettatura. Cambia solo la frequenza, non la necessità che rimane assolutamente consigliata ed indicata per tutti i cani.

 

Professionista o Fai da Te?

Se il nostro cane ha bisogno di una toelettatura, oppure è passato troppo tempo dall’ultima volta in cui lo abbiamo lavato e pulito, possiamo rivolgerci ai numerosi centri specializzati disponibili in ogni grande città e lasciare il nostro amato amico a quattro zampe alle cure di un professionista che lo coccolerà e vizierà facendolo sentire come un re (nella maggior parte dei casi si spera sia così).

Ovviamente il centro avrà un costo e questo dipenderà dai prezzi applicati nelle diverse città d’Italia, nonché al tariffario dei servizi appannaggio del cane. L’aiuto di un professionista, a dispetto del costo economico, è da preferirsi specialmente se il cane mostra idiosincrasia, ovvero repulsione e paura nei confronti di spazzola, acqua e sapone. In questi centri le persone sono preparate, istruite ed hanno gli strumenti idonei per fare un’ottima toelettatura al cagnolino.

Se vogliamo fare da soli, il fai da te è possibile attrezzandosi di tutto punto ed informandosi riguardo tecniche, prodotti da acquistare idonei per il cane, procedure e tutto quanto potrà aiutarci nel dare la massima cura al pelo del nostro animale.

In molte città sta emergendo, inoltre, un nuovo servizio ambulante: alcuni professionisti del settore, con un furgoncino attrezzato di tutto punto, arrivano e svolgono tutta la toelettatura a domicilio, facendo il bagnetto al cane e curandolo di tutto punto.

 

Il Taglio

Tra le principali attività della toelettatura, un’attenzione particolare va rivolta al taglio che determina una vera e propria arte, alla pari di quella del barbiere o del parrucchiere di fiducia.

Esistono tre tecniche base:

  • Tosatura.
  • Taglio con forbici.
  • Stripping.

Le prime sono le tecniche tradizionali applicate al pelo canino, mediante differenti strumenti quali l’utilizzo delle forbici o della macchinetta.

Lo stripping, invece, è una tecnica innovativa e moderna ed è particolarmente indicata per trattare quei cani che hanno un palo ruvido e ispido, non in grado di ringenerarsi facilmente se tagliato ovvero tosato (lasciare l’animale senza pelo in alcune zone o completamente glabro non è una buona idea). Questa tecnica si basa sull’utilizzo di un coltellino senza lame che viene passato ripetutamente sul manto del cane per strappare il pelo morto e così lasciare che la pelle respiri e non sia un crogiuolo di batteri e parassiti che si possono facilmente nascondere. Oltre al fatto che i nodi tendono a creare disagi e dolore per il cane stesso.