Vai al contenuto
Portale del RisparmioNewsChe cos’è il tessuto non tessuto? Quali sono i suoi utilizzi?

Che cos’è il tessuto non tessuto? Quali sono i suoi utilizzi?

tnt come funzionano
Ti è mai capitato di sentire questo termine così strano? Chissà cosa significherà mai? Te lo spieghiamo subito e in maniera molto semplice!
Il tessuto non tessuto, anche chiamato in gergo TNT, è un termine generico che sta ad indicare un prodotto sintetico di natura industriale molto simile ad un tessuto ma che in realtà è ottenuto da procedimenti totalmente diversi rispetto alla tessitura. I processi di tessitura e maglieria infatti, conferiscono ad un tessuto delle caratteristiche ben precise come la sua struttura ordinata caratterizzata da due direzioni prevalenti ed ortogonali tra di loro. Non è questo invece il caso di un tessuto non tessuto che ha una struttura del tutto casuale in quanto i processi industriali di produzione di questo materiale uniscono le fibre, stratificandole o incrociandole, con azioni meccaniche, con adesivi o attraverso processi termici. Lo scopo per il quale fu inventato questo prodotto era quello di ottenere un sostitutivo dei tessuti che fosse pratico, economico e di facile realizzazione e riproduzione. Sebbene il TNT arriva ufficialmente nel nostro paese dagli anni ’90 in poi e trova un grande successo soprattutto grazie al suo prezzo. E’ molto prima, però, negli anni ’30, che si inizia a far strada l’idea di questo prodotto fino a quando negli anni ’50 vengono maggiormente sviluppate le tecnologie per la sua produzione. E’ alla metà del secolo che quindi si può dire che nasce l’industria del tessuto non tessuto.
Ma ora andiamo subito a vedere quelle che sono le caratteristiche principali di un tessuto non tessuto.

Caratteristiche

Tra le principali spicca sicuramente l’idrorepellenza, cioè la sua capacità di resistere notevolmente alla penetrazione dell’acqua e alla sua adesione. Il TNT è poi un materiale che resiste molto bene a basse ed alte temperatura, è morbido, non è abrasivo al tatto e viene riconosciuto per le sue qualità igieniche. E’ inoltre spesso altamente ignifugo, leggero ma sufficientemente robusto e acquistabile in teli srotolabili di lunghezze che possono arrivare anche a decine di metri.
Tutte queste caratteristiche lo rendono un prodotto poliedrico, utilizzabile per molteplici scopi e in molteplici ambiti di applicazione. Andiamone a vedere insieme alcuni.

Utilizzi del TNT

Il tessuto non tessuto viene utilizzato nell’industria dell’abbigliamento per la produzione dei componenti interni delle calzature, spalline etc. Nello specifico nell’abbigliamento medico viene utilizzato per produrre camici, teli, mascherine, per la creazione del campo operatorio ma anche per cuffie e copriscarpe. Il TNT trova poi grande applicazione nel settore agricolo principalmente per la produzione di teli protettivi che possono essere permeabili o meno alla luce. Per le sue caratteristiche questo materiale consente di proteggere le piante dagli attacchi di insetti, proteggendo quindi il raccolto. Il suo utilizzo può variare da grandi coltivazioni fino alle piccole piante che si trovano sul tuo balcone, a patto che si tratti di vasi orizzontali e permette di mantenere temperature superiori alla soglia dello zero, prevenendo gelate che andrebbero a danneggiare la pianta.
Nell’industria dell’arredamento viene spesso, invece, utilizzato nella produzione delle tanto amate carte da parati, ma trova applicazione anche in divani, sedie, poltrone e molti altri complementi d’arredo.
In edilizia, invece, ha un ruolo molto importante nella realizzazione di soffitti e controsoffitti.
Viene inoltre utilizzato per realizzare dispositivi di medicazione come cerotti, bende e fasciature. Trova anche applicazione nella realizzazione di fondali fotografici, tele per filtri, imballaggi e per oggetti di uso quotidiano come sacchetti, borse della spesa di piccole e grandi dimensioni, prodotti per la casa come panni per le pulizie, guanti etc. Nel campo dell’estetica viene poi utilizzato per la realizzazione di teli per lettini, copriscarpa, cuffie monouso, pattine e molto altro.
Questi sono solamente alcuni tra i molteplici e variegati utilizzi di questo materiale e sicuramente più avanzerà la ricerca con gli anni e molti ancora se ne scopriranno.