Vai al contenuto
Portale del RisparmioNewsSistemi radianti infrarossi: come funzionano e a cosa servono?

Sistemi radianti infrarossi: come funzionano e a cosa servono?

sistemi catalitici per processi industriali

I pannelli infrarossi catalitici a gas prodotti dalla Infragas sono dei sistemi rivoluzionari, destinati a introdurre innovazione in tutti quei processi di pre-riscaldamento, asciugatura ed essiccazione tipici di diverse metodologie industriali. La tecnologia impiegata per la loro realizzazione sfrutta l’ossidazione catalitica del gas, e il calore viene emesso per mezzo di raggi infrarossi. Questi prodotti riescono a mantenere bassi i costi di esercizio, garantendo la massima velocità di trattamento e i migliori risultati possibili.

Entrando più nel dettaglio, i sistemi radianti a gas della Infragas sono pannelli industriali pensati per quei forni che vengono comunemente impiegati in svariati processi produttivi, come ad esempio l’asciugatura delle vernici liquide o di vernici in polvere, il trattamento di tessuti tessili, oppure impiegati nel settore produttivo del legno o della tecnoplastica.

 

Quali sono le principali caratteristiche dei pannelli radianti?

 

I pannelli radianti della Infragas sono dei prodotti all’avanguardia, progettati ed ideati con l’ausilio di tutti i più recenti progressi tecnologici. Questi dispositivi sono muniti di un catalizzatore di ultima generazione, altamente efficace e che è caratterizzato da un avviamento molto rapido, che può richiedere un tempo massimo di 10 minuti, e dall’utilizzo di ridotte potenze elettriche durante la fase di pre-riscaldamento. Il funzionamento di questi innovativi pannelli è completamente privo di fiamma, il che li rende utilizzabili in piena sicurezza anche in atmosfere potenzialmente esplosive. Inoltre, grazie al loro intelligente design, possono essere installati indifferentemente in posizione orizzontale, verticale o inclinata, a seconda delle esigenze operative di produzione. Inoltre, risultano incredibilmente compatti, riuscendo a concentrare una straordinaria potenza in pochissimo spazio. Il loro funzionamento prevede esclusivamente l’utilizzo di gas naturale, o del propano. Un altro punto di forza dei pannelli radianti è l’affidabilità e la sicurezza d’uso. Sono infatti progettati, realizzati e collaudati rispettando in ogni fase di progettazione e produzione gli standard di Qualità ISO 9001. L’acciaio inox, principale costituente di questi pannelli, garantisce robustezza e lunga durata, oltre che una straordinaria affidabilità. Sono in grado di garantire un ampio range di temperatura superficiale, modulabile con perfetta precisione da 180 fino a 650 gradi centigradi.

 

Perché scegliere questa tecnologia?

 

I pannelli radianti a infrarossi Infragas garantiscono prestazioni di alta qualità, con la totale assenza di sfogliature dei rivestimenti e nessuna comparsa di raggrinzimenti o di rigonfiamenti di alcun tipo. L’irraggiamento con raggi infrarossi consente, ad esempio, durante le procedure di essiccazione di vernici, una finitura perfetta ed omogenea, priva di sbavature. I raggi infrarossi, infatti, penetrano fino agli strati più interni della vernice riscaldandola lungo tutto il suo spessore, per poi solo in un secondo momento risalire verso l’esterno. In questo modo lo strato più esterno rimane poroso a sufficienza da consentire all’acqua e a solventi vari di poter fuoriuscire completamente, prima che la vernice si asciughi.

Una nota di particolare merito è sicuramente la grande convenienza e facilità di utilizzo. I forni che utilizzano pannelli a raggi infrarossi consentono un enorme risparmio di spazio rispetto a forni con sistemi di riscaldamento a convezione. Altro grande vantaggio è la grande velocità di avviamento, che avviene in soli 10 minuti, decisamente più breve rispetto ai tempi medi riportati da altri pannelli catalitici presenti sul mercato. I raggi infrarossi, inoltre, consentono l’esecuzione di procedure particolarmente brevi. I raggi infrarossi, infatti, vengono concentrati direttamente sulle aree da trattare, con una piccolissima dispersione del calore nell’ambiente circostante. La modulazione del gas, e della sua portata, consente un controllo della temperatura della superficie radiante molto precisa, che può essere portata da 180 C° fino ai 650C°.

Caratteristica molto importante è la possibilità di impiegarli in aree che possono essere pericolose. Grazie al loro funzionamento privo di fiamma, possono essere impiegati anche durante lavorazioni che prevedono l’utilizzo di vernici contenenti solventi infiammabili, garantendo la totale sicurezza degli operatori. Infine, va sottolineato che il gas, principale fonte primaria di alimentazione di questi sistemi, è decisamente più economico e sostenibile rispetto all’elettricità, e può consentire dunque un marcato risparmio sui costi di produzione.