I prezzi delle palestre a Roma

I prezzi delle palestre a Roma



prezzi delle palestre a Roma sono molto vari perché varie sono le tipologie di centri fitness presenti nella capitale.

Si va da dalle palestre low cost con abbonamenti che partono da 19,90 euro al mese ai grandi centri dei colossi del fitness con abbonamenti che possono arrivare anche a 140 euro al mese.

Nel mezzo ci sono le palestre “classiche”, quelle aperte h24, i box di crossfit e gli studi di pilates.

Con una forbice di prezzi così ampia e una scelta così varia può essere difficile orientarsi tra le offerte e capire quale formula abbonamento ha le caratteristiche che corrispondono alle proprie esigenze.

Quindi quanto costa andare in palestra a Roma?

Questo articolo risponde alla domanda elencando le fasce di prezzo proposte dalle principali categorie di centri fitness e descrivendo le caratteristiche di ognuna.

Prima però è bene precisare che un abbonamento in palestra non può costare troppo perché la maggior parte di esse figurano come associazioni o società sportive dilettantistiche senza scopo di lucro.

Ottengono quindi delle agevolazioni fiscali e dovrebbero di conseguenza applicare prezzi nella media. Per approfondire questo argomento vi rimandiamo all’approfondimento di report sulle palestre italiane senza fini di lucro.

Palestre low cost: da 19,90 euro al mese

Le catene di palestre low cost si sono affermate molto velocemente a Roma come nelle altre città, grazie ad una politica di abbonamenti a prezzi stracciati e servizi ridotti al minimo.

Chi si abbona in una palestra low cost solitamente ha a disposizione il servizio di base ovvero l’utilizzo della struttura mentre tutti i servizi correlati ad essa, come ad esempio l’assistenza di sala pesi, i corsi fitness con insegnante, le pulizie, sono limitati o assenti.

Queste palestre rappresentano quindi un’ottima soluzione per chi sa allenarsi e vuole risparmiare. Un esperto non ha bisogno di un istruttore di sala o di un palinsesto di corsi fitness con insegnante.

Per un principiante invece allenarsi senza una scheda di allenamento personalizzata e senza un insegnante che faccia da guida nelle prime settimane può risultare demotivante e rischioso per la salute.

Inoltre c’è da dire che palestre che applicano prezzi così bassi si tengono in piedi solo con un numero molto elevato di abbonati. Può capitare quindi di allenarsi in condizioni di sovraffollamento negli orari di punta.

Palestre classiche: da 30 a 80 euro al mese

La fascia di prezzo delle “palestre classiche”, ovvero quelle che offrono il servizio di sala pesi con istruttore e un palinsesto di corsi fitness con insegnanti, si trova nel mezzo tra quella delle palestre low cost e quella dei centri fitness delle multinazionali.

I prezzi vanno da 30 euro a 80 euro mensili a seconda delle formule di abbonamento scelte.

Difficilmente inoltre si verificano condizioni di sovraffollamento delle sale perché i prezzi sono “giusti” e permettono ai gestori di guadagnare con il giusto numero di iscritti.

Se gestite bene sono le migliori in rapporto qualità prezzo perché garantiscono un buon servizio al cliente.

Club fitness delle multinazionali: da 80 a 140 euro al mese

I club delle multinazionali del fitness propongono abbonamenti all inclusive che comprendono, oltre a sala pesi e sale corsi, piscina, bagno turco, sauna, spa, bar e area ristoro.



I prezzi vanno da un minimo di 80 euro al mese per chi sottoscrive un contratto di abbonamento annuale a un massimo 140 euro al mese per chi invece opta per un mensile.

A primo impatto queste strutture sembrano offrire i servizi migliori ma in realtà non è così…

Abbonamento palestra: come valutare il rapporto qualità prezzo

Il rapporto qualità prezzo di un centro fitness andrebbe valutato tenendo conto dei seguenti fattori:

  • qualità del servizio di assistenza in sala pesi e dei corsi fitness
  • qualifica degli istruttori e dei personal trainer
  • livello di affollamento
  • condizioni contrattuali
  • costi dell’abbonamento

Il servizio di assistenza in sala pesi dovrebbe essere garantito a tutte le ore e per tutti gli abbonati. Ogni abbonato dovrebbe ricevere una scheda di allenamento personalizzata preparata dall’istruttore di sala pesi che preferibilmente dovrebbe essere laureato in scienze motorie.

I corsi fitness dovrebbero essere accessibili a tutti e condotti da insegnanti laureati e qualificati per le discipline insegnate.

Non dovrebbero verificarsi condizioni di sovraffollamento nemmeno nelle ore di punta.

Le condizioni contrattuali dovrebbero lasciare libero il cliente di disdire l’abbonamento qualora non si trovasse bene o non ricevesse il servizio desiderato.

I costi dell’abbonamento dovrebbero essere ragionevoli e nella media.

Tutte queste caratteristiche non sono presenti nei club dei colossi del fitness. Le loro politiche commerciali tendono a riempire i club oltre il dovuto: la maggior parte di essi arrivano ad avere un numero di soci compreso tra 4000 o 7000 per club.

Con questi numeri è impossibile garantire l’assistenza in sala pesi, la possibilità di frequentare i corsi fitness, la possibilità di allenarsi correttamente senza fare la “fila” per l’utilizzo dei macchinari.

Inoltre gli abbonamenti sono molto vincolanti dal punto di vista contrattuale. I pagamenti possono avvenire solo con carte o rid bancari ed è sempre previsto il “tacito rinnovo”. Se l’abbonato dimentica di comunicare la disdetta dell’abbonamento quindi si trova costretto a dover pagare per un altro abbonamento di durata uguale al precedente.

Per finire i costi sono eccessivi se consideriamo quanto descritto in questo paragrafo.

Il consiglio è sempre quello di optare per le palestre classiche le quali, se ben gestite, hanno costi di abbonamento nella media e accettabili in rapporto ai servizi offerti.

Personal Trainer in palestra a Roma: non fartelo imporre

Anche a Roma sta crescendo sempre di più la richiesta del Personal Trainer, ovvero un professionista che segue il cliente in rapporto one to one.

I fitness club delle multinazionali e molte palestre di Roma gestiscono direttamente il servizio di personal training assegnando ai clienti che ne fanno richiesta un Personal Trainer scelto tra i membri dello staff.

In questa maniera il cliente non è libero di scegliere a chi affidarsi. La scelta del personal trainer invece deve essere personale perché chi si affida ad un pt mette nelle sue mani la propria salute.

Per questo consigliamo a chi desidera essere seguito da un personal trainer di affidarsi a un personal trainer roma convenzionato con più palestre oppure di chiedere al personale della palestra prima di abbonarsi se c’è la possibilità di scegliere o portare un allenatore esterno.