La strumentazione professionale di un falegname o falegnameria

La strumentazione professionale di un falegname o falegnameria

Il falegname è una figura professionale che non ha esclusivamente le capacità per lavorare il legno e modificarlo secondo le esigenze del cliente, ma ha anche precisione e abilità. Ebbene, gli attrezzi necessari al fine di unire tali capacità sono numerosi e variano soprattutto a seconda del lavoro richiesto, così da facilitare la modifica e lavorazione degli oggetti in legno. Al fine di ottenere degli ottimi risultati, è strettamente necessario possedere degli strumenti specifici e di elevata qualità: un solo sbaglio di qualche millimetro potrebbe infatti rovinare l’intero progetto.
Nello specifico, di seguito è possibile presentare tutti gli strumenti professionali che dovrebbe avere un falegname:

  • Morsetti;
  • Metro a nastro;
  • Compasso da falegname;
  • Squadra da falegname;
  • Sega manuale;
  • Martello;
  • Morsa;
  • Trapano avvitatore;
  • Sega circolare;
  • Seghetto alternativo;
  • Scalpelli;
  • Pialla elettrica e manuale;
  • Lime;
  • Carta vetrata;
  • Raspe.

Attrezzi per inchiodare e avvitare

Uno tra gli attrezzi più utili per il falegname equivale al martello: questo è abbastanza comune in tutte le tipologie di lavori manuali ed è abbastanza semplice da utilizzare. E’ molto importante per il falegname, così come lo è il trapano, soprattutto per avvitare i chiodi.

Gli strumenti da precisione

Oltre ai principali strumenti precedentemente citati, il falegname ha anche necessità di alcuni strumenti da precisione, ossia degli attrezzi che gli permettono di creare dei dettagli ottimi sul legno.
Tra questi strumenti vi è, ad esempio, la squadra apposita per il falegname: questa infatti non servirà solo per procurarsi le misure specifiche, ma anche delle linee grazie ad un apposito pennino incorporato. Così facendo, si può anche vedere se la superficie risulta o meno lineare, grazie ad una apposita livella presente nella squadra. Quest’ultimo attrezzo deve essere costituito dall’acciaio inossidabile, così da essere resistente all’usura e al contempo poco pesante. Normalmente, è possibile trovare assieme a questo strumento un battente.
Oltre allo strumento appena citato, è anche possibile acquistare un compasso apposito per il falegname, nonchè un attrezzo che sarà utile per tracciare una circonferenza perfetta e riportare le medesime misure in numerose figure geometriche. Le misure devono assolutamente essere specifiche, al fine di garantire la miglior qualità e precisione del lavoro finale: se infatti questo corrisponde ad un mobile ad incastro o a qualche ulteriore elemento, è necessario che tutti rispettino alla perfezione le misure.

Attrezzi per rifinire

Al fine di rifinire il prodotto finale e poi concluderlo, è necessario disporre di alcuni attrezzi specifici. I dettagli sono infatti estremamente essenziali per un falegname, soprattutto a seconda del lavoro che deve fare su un determinato legno. E’ possibile utilizzare delle pialle, che possono essere elettriche o manuali, e della carta vetrata al fine di terminare il proprio lavoro, ed ulteriormente valorizzarlo con attrezzi quali raspe, lime e scalpelli.

Attrezzi da taglio

Infine, è possibile presentare gli attrezzi da taglio negli strumenti più importanti. Questa tipologia di strumento può essere sia elettrica che manuale. Nonostante la sega manuale sia spesso vista come la più semplice da utilizzare, al fine di ottenere dei risultati estremamente precisi è necessario utilizzare dei prodotti ad alta tecnologia, così da fare anche meno fatica ed essere maggiormente sicuri di cosa si sta facendo. Sono essenziali anche strumenti quali la sega circolare e il seghetto alternativo al fine di tagliare della legna. Se invece si ricercano degli strumenti tipici per gli artigiani e quindi maggiormente qualificati per degli strumenti di precisione, allora si potrebbe optare per una troncatrice normale ed una radiale, da poter utilizzare anche sulle superfici inclinate. Oltre a ciò, è possibile utilizzare degli strumenti che tengono ferme le tavolette ed evitano quindi che si provochino dei movimenti bruschi, i quali potrebbero rovinare il lavoro di precisione fino ad allora compiuto.