Come si usa Telegram? Consigli Utili per usare l’app al meglio



Telegram consiste in una nota applicazione di messaggistica istantanea basata su cloud, resa disponibile senza fini di lucro dalla  società britannica Telegram LLC. Insieme all’applicazione WhatsApp, Telegram si dimostra una delle realtà in campo applicazioni maggiormente scaricata dagli utenti di tutto il mondo, in modo assolutamente gratuito, servendosi soltanto di una connessione dati o rete WiFi.

L’applicazione Telegram risulta difatti integrata dal software libero per Android, GNU/Linux, iOS, MacOS, Windows NT e Windows Phone al fine di integrarsi perfettamente con le esigenze di tutti gli utenti. Servendosi dell’applicazione Telegram si potranno inviare messaggi singoli, creare chat di gruppo, inviare allegati fotografici, note vocali, video, effettuando anche chiamate vocali cifrate.

Ma come si usa nello specifico l’applicazione? Attraverso questo nuovo articolo ci occuperemo di approfondire tutte le diverse opzioni date dall’app Telegram, soffermandoci in particolar modo sulle diverse funzionalità rese disponibili nel corso dell’ultimo periodo.

 

Telegram: come utilizzare al meglio l’applicazione di messaggistica

Utilizzare l’applicazione di messaggistica Telegram risulta estremamente semplice, mentre le linee guida proposte nei successivi passaggi potranno andare a colmare qualsiasi lacuna soprattutto in direzione dei nuovi utenti utilizzatori. Per prima cosa di dovrà scaricare l’applicazione dal proprio dispositivo.

Nel caso in cui il sistema operativo risulti quello di Android, come ci ricorda napolinewstoday.it  sarà necessario dirigersi all’interno dell’app del Google Play Store, ricercando Telegram sulla voce posta per la ricerca delle varie applicazioni. Esteticamente l’app Telegram presenta l’immagine di un aeroplanino di carta su di uno sfondo azzurro, immediatamente utilizzabile al momento del termine del download. Utilizzando un dispositivo iOS ci si dovrà invece recare all’interno dell’Apple Store per ricercare e installare l’app Telegram.



Ad installazione avvenuta si dovrà procedere alla configurazione dell’applicazione di messaggistica cliccando sulla voce “Inizia a messaggiare o Start messagging”, inserendo nei campi richiesti il numero di telefono e la nazionalità dell’utente, una procedura effettuata soltanto per il primo accesso in app. Per proseguire si dovrà cliccare sulla voce “Avanti” nel caso di un dispositivo iOS, oppure sulla spunta “V” nel caso di un dispositivo Android. Al ricevimento del codice di conferma inviato dall’app sul proprio numero si potrà procedere al termine della configurazione riportando le stesse diciture.

A questo punto l’applicazione Telegram potrà essere utilizzata proprio come avviene per WhatsApp. Ma quali sono le differenze con l’applicazione di messaggistica di quest’ultima? A differenza di WhatsApp l’app Telegram basa il suo funzionamento sul cloud, salvando tutti gli allegati multimediali online e non nella memoria del dispositivo. Anche Telegram dispone tuttavia di chat crittografate, sotto la possibilità di inviare GIF, emoji, sticker, messaggi vocali e allegati multimediali verso chat singole o chat di gruppo.

Tramite l’app Telegram si potranno creare diversi canali, a differenza dei gruppi consistenti in conversazioni pubbliche dove soltanto un utente può effettivamente procedere alla pubblicazione dei contenuti. Telegram offre inoltre la possibilità ai propri utenti di avviare anche chat segrete, all’interno delle quali i messaggi scambiati si auto-distruggeranno in seguito, dimostrandosi open source, del tutto personalizzabile grazie alle API presenti.

L’interfaccia di Telegram si dimostra semplice e di facile intuizione, presentando una lista relativa alle Impostazioni attraverso la quale provvedere alle diverse necessità utente.